To top
Company Company

SAVE Automazione Industriale e 4.0

Share:
30 giugno 2020 - 3 luglio 2020

Il SAVE torna in formato digitale con un’intera settimana di contenuti ed interventi specialistici dedicati a Manutenzione 4.0 il 30 giugno, Diagnostica, Predittiva e Monitoraggio il 1 luglio, Sistemi di Controllo e Supervisione ed anche Automazione Industriale e 4.0 il 2 luglio, ed infine Strumentazione e IoT nonché Cybersecurity per l’Industria il 3 luglio.

Vista l’impossibilità di incontrarsi personalmente in questi mesi, è stato previsto un calendario fitto di eventi cui si può partecipare online, oltre alla possibilità di fare business matchmaking mediante la piattaforma stessa.

In particolare, Wibu-Systems sarà sul palco virtuale in due occasioni:

L’intervista rilasciata da Daniela Previtali, Global Marketing Director di Wibu-Systems, va inoltre a toccare l’impatto che il COVID19 ha avuto sul comparto dell’Industria 4.0 e i risvolti futuri dell’automazione industriale, tenendo conto delle tecnologie sviluppate e dell’esperienza trentennale del vendor.

Wibu-Systems si è distinta quale leader innovativo nel mercato globale della gestione delle licenze software, impegnato a proteggere l'integrità di risorse digitali, know-how tecnico e proprietà intellettuale da pirateria, reverse engineering, manomissioni, sabotaggi e attacchi informatici. L’azienda crede fortemente nel concetto di libertà: Libertà per editori di software, produttori di dispositivi intelligenti, utenti e la società tutta di creare valore attraverso nuovi modelli di business, mediante soluzioni modulari, scalabili, interoperabili e versatili. Applicando il principio consolidato degli appstore ed adottando CodeMeter, si possono implementare in parallelo molteplici modelli di business rispondenti alle reali esigenze di mercato, riducendo così i costi di produzione, di stoccaggio e di logistica, nonché l’impatto ambientale.

Particolare risalto merita anche il fatto che l'interconnettività che contraddistingue l’era IIoT abbia aperto le porte a nuove forme di attacchi informatici. Non sono gli operatori umani, ma anche le macchine devono essere identificate in modo sicuro, per impedire che utenti o sistemi illeciti sferrino attacchi informatici. I certificati X.509, abbinati al protocollo OPC UA e a soluzioni di storage sicuro di tipo hardware, sono la scelta ideale per affrontare tali sfide. Una concatenazione di certificati digitali applicati a boot loader, sistema operativo, applicazione e dati di configurazione offre massima sicurezza e protezione dell'integrità del software per i sistemi embedded.

EIOMFIERE